Banche: si arresta il crollo dei prestiti a famiglie ed imprese

prestiti 2014Dopo oltre 2 anni e mezzo, per la prima volta a Novembre 2014 il numero dei prestiti concessi dalle banche a famiglie ed imprese non è stato più basso rispetto allo stesso mese dell’anno precedente: ci siamo trovati ad assistere insomma ad una variazione annua nulla dopo un periodo che sembrava interminabile di variazioni negative. Continuano invece a calare i finanziamenti in generale (a Novembre -1,6% su base annua).

Tornando ai prestiti bancari rivolti a famiglie ed imprese, quello di Novembre rappresenta, dati alla mano, il miglior risultato addirittura dall’Aprile del 2012. Il risultato si fa ancora più incoraggiante nel senso di ripresa economica globale, se si pensa che l’inversione di tendenza si sta riscontrando in tutti i Paesi dell’area Euro.

Sempre a Novembre in Italia si registra una cifra maggiore di prestiti erogati da banche che operano in Italia verso la propria clientela (poco più di 1813 miliardi di euro), rispetto a quelli invece raccolti e depositati sempre dai propri clienti (1708 miliardi di euro circa). Diminuiscono i fondi depositati in obbligazioni (- 13,4% su base annua), mentre aumenta il denaro raccolto in conti deposito (+ 3,6% su base annua).

In aumento finalmente anche i prestiti specifici che le banche hanno concesso alle imprese (un piccolo + 0,2% che comunque fa ben sperare per la ripresa economica e dell’occupazione per il prossimo futuro), mentre infine le erogazioni di prestiti e mutui per l’acquisto di immobili registrano un segno + in questo caso davvero molto significativo: la crescita riscontrata è di ben il 30% nei primi 10 mesi dell’anno 2014. Il mercato del mattone sta ripartendo?


Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi